Tour del Lazio: Ciociaria, Castelli Romani e Tuscia

Alla scoperta dei segreti più belli della Ciociaria e della Tuscia, passando per i Castelli Romani. Tra acropoli antiche, storie di papi e grandi famiglie romane, abbazie e giardini, per rimanere incantati dal Lazio più bello!
tour di gruppo con guida italiana2022 - partenze in giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre

Tour organizzato alla scoperta del Lazio inconsueto, nascosto e ricco di storia con gli incantevoli Castelli Romani, la CiociariaViterbo e la Tuscia.tour del Lazio - Ciociaria Tuscia Riviere di Ulisse Spesso all’ombra dell’importanza di Roma, il Lazio ha invece una forte personalità e tanti luoghi dove la storia antica si intreccia con quella delle epoche successive, tessendo una tela fatta di arti, mestieri, cultura, musica, fiabe, leggende, tradizioni. Parchi Nazionali di rara bellezza, come quello dei Monti Simbruini, racchiudono nei loro scrigni borghi medievali dove il tempo ha rallentato la sua corsa.

Ritroveremo le storie e gli intrighi delle grandi famiglie romane e del papato, passeggeremo tra borghi, acropoli antiche, laghi e giardini. Ci lasceremo sorprendere dalla bellezza senza tempo di Anagni con la sua “Cappella Sistina” del Medioevo. Ci immergeremo nell’atmosfera medievale nel Castello di Fumone e nella sorprendente bellezza della Certosa di Trisulti immersa nel verde della foresta circostante. Potremo restare incantati davanti ai Giardini di Ninfa e al borgo della vicina Sermoneta…..e restare in silenzio e ascoltare la pace diffusa del Sacro Speco, perfetto equilibrio di misticismo tra uomo e natura, luogo dove San Benedetto da Norcia si ritirava a pregare!

Nella Tuscia ci lasceremo incantare dalla deliziosa Viterbo con il suo centro storico, dall’antico borgo di Calcata Vecchia amato da artisti e poeti, dal borgo medievale di Tuscania, dalla bellissima Villa Lante a Bagnaia e dal Palazzo Farnese di Caprarola. Torneremo tutti bambini incrociando con lo sguardo i “mostri in pietra” del Bosco Sacro di Bomarzo o entusiasti passeggiando lungo le strade, naso all’insù, nel “paese delle fiabe” .. sapete qual è?
Questo e tanto altro, tra arte, storia e … gastronomia e tradizioni locali!

Nella foto: Giardini di Ninfa (foto Fabrizio Marazzi – www.instagram.com/fbxphoto/)

Tour del Lazio: Ciociaria, Castelli Romani e Tuscia in breve …

Itinerario

Certosa di Trisulti, Alatri, Castello di Fumone, abbazia di Casamari, Oasi di Ninfa, Sermoneta, Anagni, Santuario del Sacro Speco (Subiaco), Santuario della Fortuna Primigenia (Palestrina), Castel Gandolfo e la residenza Papale, Ariccia, (Roma), Calcata Vecchia, Caprarola, Tuscania, Viterbo, Civita di Bagnoregio, Sant’Angelo di Roccalvecce, Bagnaia, Parco dei Mostri di Bomarzo

9 giorni / 8 notti

partenze confermate con minimo 15 partecipanti
inizio e termine a Roma
riferimento tour: LA-01

Tipologia del tour

tour di gruppo in pullman privato, con accompagnatore per tutta la durata del tour
guide locali esperte dell’area dei castelli Romani, della Ciociaria e della Tuscia
pasti inclusi: prima colazione, 3 pranzi e 4 cene

Oltre alle guide parlanti italiano, avremo sempre a disposizione auricolari per consentirci una maggiore libertà e comodità nell’ascolto.

I plus di questo tour

♥ accompagnatore per tutta la durata del tour

♥ gruppi di massimo 25 persone

♥ trattamento di mezza pensione

♥ degustazioni di prodotti tipici

> Date di partenza 2022

Partenze da Roma come specificato:

giugno sabato 18
luglio sabato 2 – 16
agosto sabato 6 – 27
settembre sabato  24
ottobre sabato 15

DISPONIBILITA’ – aggiornamento 26 gennaio 2022  


 

> Tour del Lazio: Ciociaria, Castelli Romani e Tuscia – programma:

1° giorno • sabato • arrivo a FIUGGI o dintorni • 90 km • (cena)

Arrivo a Roma, incontro con la guida e partenza con bus privato in direzione di Fiuggi dove si arriva dopo poco più di un’ora. Sistemazione in hotel.
Cena e pernottamento.
Nota: a Roma, orario e luogo di incontro/partenza saranno indicati nel programma di viaggio definitivo.

2° giorno • domenica • FIUGGI: alla scoperta della Ciociaria • 180 km • (prima colazione e pranzo)

tour del lazio - CiociariaPrima colazione in albergo e partenza in direzione di Collepardo, per salire alle falde del monte Rotonaria (825 mt slm) e visitare la meravigliosa e mistica Certosa di Trisulti, Monumento Nazionale fin dal 1879.
Al termine della visita, proseguimento verso Alatri, la “città dei Ciclopi”, posta al centro della Ciociaria storica, fra le città di Ferentino, Frosinone e Veroli, percorrendo una strada che si snoda tra le colline dei monti Ernici, dal nome del popolo italico che abitava questo territorio. 
Dopo la visita ci dirigiamo verso Fumone (8 km circa) dove si visita il Castello appartenente alla famiglia Longhi-De Paolis che ancora vi abita. La vista nella vallata circostante, dai giardini pensili, è strabiliante! Sarà interessante conoscere le vicende del Castello incontrando (se possibile) i discendenti della famiglia nobiliare.

Pranzo
 nel corpo di guardia del castello di Fumone.

Al termine, se avanza tempo, partenza per Casamari (circa 40 km) e visita dell’antica Abbazia, uno dei più importanti monasteri di architettura gotica cistercense, che ospita oggi una comunità di monaci benedettini
.
Rientro a Fiuggi. Sistemazione in hotel.
Cena libera.
Pernottamento.
Nella foto: entrando nell’Abbazia di Casamari
Note storiche: la Certosa di Trisulti, fu voluta da Papa Innocenzo III nel 1204 e fu affidata dallo stesso Papa ai monaci Certosini “dai quali il nome), solo nel 1947 sostituiti dai monaci Cistercensi. Al centro vi è la chiesa di San Bartolomeo (1211) con pregevoli opere d’arte. Imperdibile la visita della settecentesca Farmacia: al suo interno si ammirano le vetrine con vasi da farmacia e gli armadi contenenti le scatole per le erbe, testimoni dell’attività principale della Certosa fino in epoca moderna, ovvero la produzione di medicamenti e liquori. Raffinati i decori e gli affreschi dell’ingresso, opera del pittore napoletano Filippo Balbi. Anche il giardino all’italiana, di fronte all’ingresso, merita di essere ammirato poiché vi si coltivano alcune delle erbe medicinali usate per l’attività farmaceutica dei monaci, oggi restituito al suo originario aspetto.
Alatri, la “città dei Ciclopi”: l’antico nome latino era alatrium o aletrium ed è nota soprattutto la cinta muraria megalitica poligonale, molto ben conservata, che cinge l’acropoli preromana, nota come Civita e posta nel centro storico della cittadina. Le mura hanno due porte e spicca l’imponente Porta Maggiore. Visita guidata delle mura ciclopiche, uniche in Europa, e dell’Acropoli dal perimetro di circa 19.000 mq. La sua datazione, secondo una delle ipotesi più fondate, risale al 1539 a.C.ma altri validi studiosi la collocano al VI secolo a.C.

3° giorno • lunedì • FIUGGI: : l’Oasi di Ninfa, Sermoneta e Anagni • km 155 • (prima colazione e cena)

Prima colazione in albergo.
Al mattino presto (verso le ore 08.00) partenza in direzione di Ninfa.
Incontro con la guida locale e visita del Giardino di Ninfa, una straordinaria oasi di verde realizzata dalla famiglia Caetani, sulle rovine dell’omonima città medievale. La realizzazione del parco fu guidata soprattutto da sensibilità e sentimento, seguendo un indirizzo libero, spontaneo, informale, senza una geometria stabilita. All’interno del giardino di 8 ettari si possono ammirare oltre 1300 specie di piante tra cui 19 varietà di magnolia, betulle, iris acquatici e aceri giapponesi.
Si prosegue verso Sermoneta uno dei più bei borghi medioevali del Lazio, alle pendici dei Monti Lepini. Salendo dalla strada il borgo appare d’un tratto, circondato dalle poderose mura e arroccato intorno al castello Caetani, tra i meglio conservati del Lazio, offre un panorama mozzafiato. Visita dell’antico borgo, risalente all’Alto Medioevo.

Pranzo libero tra i vicoli del borgo.

Primo pomeriggio, partenza in direzione di Anagni, la città dei papi. Arrivo, incontro con la guida locale ed inizio della visita di una delle cittadine più ricche di storia della Ciociaria. Visita della Cattedrale inclusa la bellissima Cripta di San Magno e del Museo di Bonifacio VIII.

Durante il rientro a Fiuggi, sosta per una degustazione di vino in una cantina locale.
Rientro a Fiuggi. Sistemazione in hotel.
Cena in hotel e pernottamento.
Note storiche –  Nota anche come “città dello schiaffo”, Anagni fu definita dallo storico tedesco Gregorovius “una delle più belle terrazze d’Europa”. La città è impreziosita da alcuni dei più bei complessi architettonici medievali d’Italia come la Cattedrale, costruita tra il 1071 e il 1105, la cui cripta affrescata è definita la “Cappella Sistina del Medio Evo”. Il centro è costituito da edifici eleganti e austeri, da campanili e piazze dall’architettura sobria, che ad ogni passo rievocano alcune tra le più importanti vicende della storia del Papato e delle grandi famiglie nobili.

4° giorno • martedì • FIUGGI: il Sacro Speco (Subiaco) e il Santuario della Fortuna Primigenia (Palestrina) • km 120 (prima colazione e pranzo)

Prima colazione in albergo.
Incontro con la guida e partenza in direzione di Subiaco (30 km circa) dove visiteremo il Santuario del Sacro Speco, Monastero Benedettino dove visse molti anni San Benedetto da Norcia.
Al termine della visita, proseguimento verso Palestrina (km 40) (22 km circa) dove si visiterà il Santuario della Fortuna Primigenia, un complesso sacro dedicato alla dea Fortuna della città di Praeneste, il massimo complesso di architetture tardo-repubblicane dell’Italia antica.

Pranzo
in corso di viaggio.

Tardo pomeriggio, rientro a Fiuggi (circa 50 km).
Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.
Note storiche – il Sacro Speco di Subiaco è un Monastero Benedettino incastonato nella roccia, una incurvatura della immensa parete del Monte Taleo, nella Valle del fiume Aniene. In questo luogo visse molti anni da eremita San Benedetto da Norcia. Luogo di meditazione e di culto, il Monastero è un complicato labirinto di ambienti ricavati nella roccia con affreschi di varie epoche tra i quali spicca, di epoca medievale, il più antico ritratto di San Francesco d’Assisi forse realizzato tre anni prima della sua morte avvenuta nel 1226. Il cuore del santuario è la grotta dove il Santo visse tre anni in totale solitudine.
Santuario della Fortuna Primigenia, Palestrina (la “prima nata” tra gli dei, figlia di Giove e Teti), il cui culto era associato a quello dell’oracolo per la predizione della sorte. Edificato verso la fine del II secolo a.C. nell’antica Praeneste (oggi Palestrina), il santuario fa riferimento alle realizzazioni ellenistiche dei grandi santuario della Grecia e dell’Egeo, con terrazze collegate tra loro mediante rampe e scalinate monumentali ed è tra i più imponenti complessi sacri del Lazio dell’Italia antica. I resti del grande complesso vennero alla luce dopo i bombardamenti del 1944 e la campagna di scavo durò circa 10 anni.

5° giorno • mercoledì • • FIUGGI / CASTELLI ROMANI / ROMA • 125 km (prima colazione e pranzo)

Prima colazione in albergo. 
In mattinata partenza verso la zona dei Castelli Romani, un’area protetta formata per l’appunto da dolci colline che incorniciano la Città Eterna e laghi di origine vulcanica. Arrivo, incontro con la guida locale e visita di Castel Gandolfo, uno dei Borghi Più Belli d’Italia affacciato sul lago omonimo anche chiamato lago Albano. Visita a piedi del Centro Storico e del Palazzo Apostolico.
Proseguimento verso la vicina Ariccia, dove si pranza a base di piatti tipici romani.
Pomeriggio visita di Palazzo Chigi che domina la piazza principale di Ariccia. Visita del Piano Nobile dove, nel 1962, Luchino Visconti girò molte scene del film “Il Gattopardo”.
Sosta per una degustazione della rinomata “porchetta di Ariccia”.
Al termine della visita, partenza per Roma.
Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.
Note storiche – Castel Gandolfo: Il Centro Storico, situato nella parte alta del colle, si apre sulla piazzetta dove si ammirano  il palazzo Apostolico (opera del Maderno), la fontana che sembra essere stata fatta da Gian Lorenzo Bernini e la bellissima Chiesa Di San Tommaso da Villanova, anche questa opera del Bernini. Il Palazzo Apostolico, parte del complesso delle Ville Pontificie e residenza estiva dei Pontefici sin dal 1620, fu edificato per volere di Papa Urbano VII Barberini, eletto nel 1644. Utilizzato come residenza papale fino al 1870 e in seguito abbandonato fino a quando nel 1929, a seguito dei Patti Lateranensi, tornò all’originale utilizzo. Nel 2016 Papa Francesco lo trasformò in un museo a tutti gli effetti. Al suo interno si possono ammirare l’Appartamento Pontificio e la Galleria dei Ritratti dei Pontefici.
Palazzo Chigi: Il palazzo, gioiello architettonico della seconda metà del ‘600, è opera di Gian Lorenzo Bernini e Carlo Fontana, tra i più famosi architetti del loro secolo. Ceduto dal Principe Giulio Savelli  alla potente famiglia Chigi, fu successivamente ampliato e impreziosito. Dal 1988 il Palazzo è di proprietà del Comune di Ariccia. Conserva il suo arredamento originario, sculture e arredi barocchi, affreschi seicenteschi e neoclassici oltre ad una importante collezione di dipinti. Per la ricchezza e il fasto barocchi, oltre all’ottimo stato degli arredi interni, fu scelto nel 1962 dal regista Luchino Visconti per ambientarvi molte delle scene del film IL GATTOPARDO in cui il Palazzo descritto era quello di Donnafugata.

6° giorno • giovedì • ROMA (prima colazione)

Prima colazione in albergo.
Intera giornata a disposizione per assaporare per conto proprio le bellezze di Roma, la “città Eterna” che riserva sempre sorprese e posti nascosti da scoprire. 
Tempo a disposizione per assaporare per conto proprio le bellezze di Roma, la “città Eterna” che riserva sempre sorprese e posti nascosti da scoprire. Potrete tornare a godervi il tramonto dal Colle Oppio ammirando il Foro Romano ed il Colosseo, oppure passeggiare nei quartieri del vasto centro storico, Testaccio e Trastevere solo per citare i più noti. O ancora fare un giro negli Studi di Cinecittà, la “città del cinema” che ancora oggi è un polo del cinema nostrano e internazionale: molti i set utilizzati per film epocali nei quali perdersi con l’impressione di fare un tuffo nel passato, con i costumi realizzati per scene che ancora oggi ricordiamo, come quella del famoso ballo del film IL GATTOPARDO! Oppure partecipare ad una delle tante visite “speciali” come i Sotterranei di Roma, a spasso a caccia di Street Art o ancora…incontrando quasi per caso due tra i maggiori artisti italiani: Bernini e Borromini, rivali ma magnifici nella loro grandezza (nota: questa visita teatralizzata può essere organizzata a partire da 10 iscritti)….e tanto altro ancora!
Pasti liberi.
Pernottamento.

7° giorno • venerdì • ROMA / CALCATA VECCHIA / CAPRAROLA / TUSCANIA / VITERBO (prima colazione e cena) • km 150

Prima colazione in albergo.
Partenza verso il nord del Lazio in direzione di Viterbo. La prima sosta è a Calcata Vecchia (1 ora circa), dove incontriamo la nostra guida specializzata per la regione della Tuscia.
Dopo la visita proseguiamo verso Caprarola (circa 40 km) dove visiteremo Palazzo Farnese, uno dei migliori esempi di palazzi nobiliari di epoca manierista ed uno dei monumenti più importanti del periodo tardo rinascimentale non solo italiano ma europeo.
Tempo libero per il pranzo (non incluso).
Proseguimento quindi per Tuscania, incantevole borgo medievale ricco di chiese antiche e fontane barocche. Si erge su un promontorio di roccia di tufo, tra scorci suggestivi, viuzze e piazze come quella del Comune dove appaiono come per magia, coperchi di sarcofaghi etruschi. Molte le leggende sulla sua nascita: una narra che Tuscania fu fondata da Ascanio, figlio di Enea; un’altra che vuole che sia stato Tusco, figlio di Ercole e di Araxe a fondarla. Una cosa è certa: gli antichi Romani la chiamarono Tuscania, cirrà dei Tusci, che era il nome con il quale i Romani chiamavano gli Etruschi.
Visita e quindi trasferimento a Viterbo.
Sistemazione in hotel.
Cena e pernottamento.
Note storiche – Calcata Vecchia è un piccolo borgo che trae le sue origini nella preistoria, arroccato su uno sperone di tufo che si affaccia nella Valle del fiume Treja. Tra i posti più suggestivi ed amati del Lazio, Calcata fu per circa un trentennio un paese disabitato. Conobbe la sua rinascita introno agli anni ’60 quando una comunità di artisti e hippies decise di stabilirsi a Calcata e riportare vita e colore nel borgo. Antiche leggende narrano che quando soffia il vento forte, per le stradine del paese sembra di udire il canto delle streghe! Vi si accede soltanto da una porta di accesso che si apre nel muro perimetrale.
Palazzo Farnese, Caprarola – Il Palazzo è opera di illustri architetti: Antonio da Sangallo il Giovane, Baldassarre Peruzzi e per finire Jacopo Barozzi detto il Vignolo, al quale si deve anche il disegno di Villa Lante a Bagnaia, Palazzo farnese era il rifugio segreto del cardinale Alessandro Farnese (che divenne Papa Paolo III nel 1534) e domina la campagna circostante. Impossibile non restare affascinati dalla Scala Regia, a forma elicoidale composta da trenta colonne doriche e finemente decorate che porta dal piano terreno ai due piani superiori (piano dei prelati e piano Nobile).

8° giorno • sabato • VITERBO: Civita di Bagnoregio, il paese fantasma e il paese delle fiabe (prima colazione e cena) • km 80

Tour del Lazio - Tuscia - Civita di BagnoregioPrima colazione in albergo.
Al mattino visita guidata di Viterbo.
Viterbo è definita da secoli la città dei Papi, in memoria del periodo in cui la sede papale fu appunto spostata in questa città che ancora porta i segni di quel fasto, pur avendo origini ancora più antiche. La “Città dei Papi”, capoluogo di antica origine etrusca e di grandi tradizioni storiche, conserva un assetto monumentale tra i più importanti del Lazio: aristocratici palazzi, monumenti ricchi di opere d’arte di spiccato interesse, suggestivi quartieri medievali, chiese e chiostri di varie epoche, torri slanciate ed eleganti fontane in peperino (la tipica pietra delle costruzioni viterbesi).

Nel pomeriggio partenza per Civita di Bagnoregio, la “città che muore”, dalla bellezza antica il cui spettacolo sembra quasi un’opera di fantasia. Adagiato su un picco di tufo e circondato da grigi calanchi simili a fenditure nella terra, il piccolo borgo sfida il vento, la pioggia e il sole e appare come una pietra preziosa nel suo castone fatto di roccia. Un ponte lo unisce alla terraferma: la passeggiata (non si entra in macchina) è un poco ardua ma lo sforzo vale il sopportabile disagio! Verrete ripagati dal panorama mozzafiato e dall’atmosfera fuori dal tempo che si respira passeggiando tra i suoi vicoli e le case!
Prima di rientrare a Viterbo, sosta per una passeggiata a Sant’Angelo di Roccalvecce, il “paese delle fiabe”, così chiamato per i molteplici murales (oltre 35) che adornano i muri delle sue case che “raccontano” le più belle fiabe.
Nelle vicinanze effettueremo una sosta al Castello Costaguti, ad appena 3 km dal “paese delle fiabe” nella piazza del borgo di Roccalvecce, circondato da un rigoglioso parco secolare. È prevista una degustazione di prodotti tipici del territorio.
Cena e pernottamento in hotel.
Nella foto: Civita di Bagnoregio (foto Fabrizio Marazzi – www.instagram.com/fbxphoto/)
Note storiche: il Castello di Roccalvecce appartiene, sin dalla metà del 1600, alla famiglia Costaguti, banchieri genovesi che lo acquisirono come residenza di villeggiatura. Oggi il Palazzo è un “albergo diffuso” ed il piano nobile ospita suite interamente affrescate e decorate con soffitti a cassettoni, arredate da antichi mobili e letti a baldacchino. La famiglia acquistò nel 1585 anche il bellissimo Palazzo di Piazza Mattei a Roma, in posizione strategica tra il ghetto ebraico, l’isola Tiberina ed il porto di Ripetta. I Costaguti furono insigniti da Papa Innocenzo X del titolo di “Marchesi di Baldacchino”, onorificenza riservata a pochissime famiglie nobili romane che indica il privilegio di tenere all’interno della propria residenza un baldacchino rosso con poltrona dorata per ricevere il Sommo Pontefice. Nel 1800 Pietro Afan de Rivera, antichissima famiglia di origine spagnola che proviene dalle Asturie, sposò Donna Maria Costaguti, ultima discendente della famiglia. Sia il Palazzo Costaguti di Roma che il Castello Costaguti di Roccalvecce sono tutt’ora proprietà appartenenti alla famiglia Afan de Rivera Costaguti, che le abita e le custodisce ormai da secoli nel rispetto della tradizione. 

9° giorno • domenica • VITERBO / BAGNAIA / BOMARZO/ROMA e partenza (prima colazione) • km 115

Tour del Lazio - Tuscia - BomarzoPrima colazione in albergo.
Partenza per Bagnaia, piccola frazione di Viterbo lungo un tratto della Via Francigena. Visiteremo la bellissima Villa Lante, un gioiello architettonico realizzato su progetto del Vignola (Jacopo Barozzi, 1507-1573), tra i più noti esponenti del manierismo italiano dei cui cambiamenti fu artefice e protagonista al quale si deve anche il Palazzo Farnese di Caprarola. La Villa costituisce un magnifico esempio di giardino all’italiana arricchito da fontane favolose. La Villa fu voluta nel 1511 dal cardinale Gianfrancesco Gambara e passò nel XVII secolo al Duca di Bomarzo, Ippolito Lante Montefeltro della Rovere al quale deve l’attuale nome.

Al termine della visita, partenza verso Bomarzo situato a breve distanza (17 km circa). Arrivo e visita del Sacro Bosco per la visita del Parco dei Mostri di Bomarzo, anche noto come il Sacro Bosco di Bomarzo. Fu commissionato, nel XVI secolo, dal Principe Pier Francesco Orsini all’architetto Pirro Ligorio affinché creasse un luogo dove cercare un conforto dopo la morte della moglie Giulia Farnese. Passeggiando al suo interno incontreremo molte sculture grottesche e bizzarre dai volti minacciosi o sorridenti. Se ci si ferma ad ascoltare i rumori si viene rapiti dal suo misterioso fascino fatto di silenti allusioni ad un mondo onirico e volatile. “Ogni pensiero vola” è scritto sulla bocca di uno dei mostri in pietra: ed è vero perché è sufficiente liberare la fantasia, per intravedere, nel verde, tutt’intorno elfi e fate e figure immaginarie.
Pranzo libero.
Rientro a Roma con possibilità di lasciare il gruppo alla stazione ferroviaria di Orte (ora servita anche dall’alta velocità) nel caso siate venuti in treno.
Arrivo a Roma e termine del tour.

> Alberghi previsti:

Sistemazione in camere con servizi privati negli alberghi indicati o similari categoria 3 stelle superior e 4 stelle:
• Fiuggi• Hotel Ambasciatori Place o similare
• Roma • Hotel Villa San Pio similare
• Viterbo • Hotel Mini Palace o similare

tour del Lazio - Ciociaria

> Tour del Lazio – dettaglio quote per persona – anno 2022

Tour del Lazio in tripla in doppia in singola
minimo 15/19 partecipanti su richiesta 1.346 1.576
minimo 20/25 partecipanti su richiesta 1.246 1.476
  • riduzione 3°/4° letto bambini 2/12 anni (ove possibile): – 20%
  • la sistemazione in tripla si intende in camere con due letti una piazza e mezza (talvolta piccoli) o letto supplementare pieghevole, dipende dagli hotel
  • supplementi escursioni facoltative a Roma: da richiedere all’atto della prenotazione. Quotazioni su richiesta.

Non chiediamo quote di iscrizione o simili. Diamo piuttosto in omaggio la polizza assistenza in viaggio WI UP incluse garanzie aggiuntive legate alla pandemia di Covid-19 (dettagli al punto 1 di questa pagina).

Segnaliamo alla pagina regolamento trovate le indicazioni delle eventuali penali in caso di annullamento e qui tutte le informazioni relative alla nostra azienda.

TOUR NON CONSIGLIABILE A PERSONE CON MOBILITA’ RIDOTTA (COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA AI SENSI DI LEGGE)

INCLUSO NELLE QUOTE
  • visite ed escursioni con bus Gran Turismo (partenza da e rientro su Roma), come da programma
  • accompagnatore  italiano 2° giorno al 9° giorno
  • 8 pernottamenti in camere doppie con servizi privati negli hotel indicati o similari di categoria 3 stelle superior e 4 stelle
  • 8 prime colazioni, 1 pranzo al Castello di Fumone, 2 pranzi in ristorante e 4 cene in hotel (a Fiuggi sono inclusi: ½ lt acqua minerale e ¼ vino, per persona)
  • 3 degustazioni di prodotti tipici (come da programma)
  • visite come indicato in programma con assistenza di guide specializzate sul luogo
  • radioguide auricolari durante le visite per consentirvi una maggiore libertà e comodità nell’ascolto
  • polizza assistenza in viaggio WI UP incluse garanzie aggiuntive legate alla pandemia di Covid-19

Segnaliamo che, qualsiasi siano le eventuali normative Covid in vigore il prossimo dicembre, tutti i nostri tour e gli alberghi che usiamo saranno meticolosamente adeguati. Non possiamo pertanto ora specificare se prime colazioni e pasti potranno essere a buffet o dovranno essere servite al tavolo, così come, se necessario, i pullman verranno utilizzati con riempimento inferiore alla loro capacità, per mantenere le norme di distanziamento. Speriamo poter tornare a una sorta di “normalità” quanto prima, in ogni caso saremo sempre rispettosi delle regole in vigore.

NON INCLUSO
  • voli/mezzi di trasporto per arrivare a Roma (quote su richiesta)
  • bevande extra non indicate
  • tasse di soggiorno in hotel (da pagare in loco), per persona per notte: € 1,50 Fiuggi; € 4,00 Roma; € 2,30 Viterbo
  • pacchetto ingressi da pagare sul posto all’accompagnatore: euro 145,00 circa per persona (nota**)
  • mance ad autisti e guide
  • extra personali negli hotel e nei ristoranti
  • tutto quanto non espressamente indicato alla voce “Incluso nelle Quote”

(nota **): A causa delle attuali normative Anticovid 19, gli ingressi a siti e Musei, devono essere prenotati e prepagati per garantire il normale svolgimento delle visite. Tale somma sarà pagata direttamente in loco dai Clienti, alle guide locali o al nostro accompagnatore.
Vi invitiamo pertanto, in fase di conferma prenotazione, a comunicare eventuali appartenenze a categorie aventi diritto a riduzioni e/o gratuità per tali ingressi, come previsto dal decreto ministeriale vigente: ad es. riduzione per ragazzi 18/25 anni non compiuti, insegnanti muniti di modulo Miur , disabili e accompagnatori, minori di 18 anni ..etc.. In tal caso sarà nostra premura comunicare la riduzione prevista.
N.B. Il costo degli ingressi potrebbe subire variazioni senza alcun preavviso in caso di nuove disposizioni regionali e/o nazionali o in caso di mostre/ eventi temporanei.
IMPORTANTE: dal 10 GENNAIO 2022 per entrare a visitare i musei e gli altri luoghi della cultura sarà necessario esibire il SUPER GREEN PASS (ovvero quello rilasciato a seguito di avvenuta vaccinazione o guarigione dal COVID). La disposizione non si applica ai soggetti di età inferiore ai dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale (DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221).

NOTE
  • non è frequente, ma può accadere che il tour sia in condivisione con passeggeri di altre nazionalità (spagnoli, raramente inglesi). In questo caso le spiegazioni saranno in più lingue
  • gli alberghi e le località di pernottamento saranno riconfermati la settimana precedente la partenza
  • è necessario segnalare al momento della prenotazioni eventuali intolleranze alimentari
  • le escursioni e le visite previste in programma potrebbero subire variazioni o sostituzioni a causa di avverse condizioni meteo e/o per ragioni operative

> Assicurazioni

SPECIALE POLIZZA - PRENOTAZIONE SENZA PENSIERI

SPECIALE POLIZZA FACOLTATIVA
“WI ENERGY – PRENOTAZIONE SENZA PENSIERI
Libero di prenotare, libero di ripensarci

Quota euro 48,00 per persona.
Questa polizza consente di annullare anche semplicemente per cambio idea, senza avere motivi documentabili da esporre fino a 15 giorni lavorativi prima della partenza (sabato/domenica esclusi). Resterà a vostro carico solo il costo della polizza, come indicato in ogni singolo tour. Dai 14 giorni prima fino all’inizio del viaggio, la polizza consente comunque di avere il rimborso della penale purchè il motivo sia documentabile. Tutti i dettagli al punto 2. in questa pagina.

POLIZZA ANNULLAMENTO BASE

Polizza annullamento facoltativa.

Quota euro 22,00 per persona.
Questa polizza consente di annullare fino all’ultimo momento, avendo il rimborso delle quote pagate (salvo una franchigia), purché il motivo sia documentabile (certificato medico, ricovero ospedaliero, ecc.) come indicato al punto 3. di questa pagina

♦ Come arrivare nel Lazio

Non riteniamo opportuno indicare una quota comprensiva dei trasporti necessari per raggiungere la città di partenza del tour affinché ciascuno si possa sentire libero di utilizzare il mezzo di trasporto che preferisce.

Preferiamo invece pubblicare il prezzo reale e aggiornato per il singolo tour, ma restiamo a disposizione per valutare le varie possibilità di trasporto e fornirvi la tariffa aggiornata. Vi possiamo fornire, con piacere, tutte le informazioni, così come possiamo provare ad aiutarvi se avete necessità di completare il vostro viaggio con altri pernottamenti/servizi.

♦ Informazioni e prenotazioni

Gli agenti di viaggio sono un bene prezioso! Se avete una agenzia di viaggi di fiducia, vi preghiamo contattarla e chiedere di chiamarci. Altrimenti potete contattare noi per mail o telefono.

Tutti i nostri tour nel Lazio

tour del Lazio Ciociaria Tuscia Riviere di Ulisse

Tour del Lazio: Castelli Romani, Ciociaria, Riviera di Ulisse e Tuscia

9 giorni

Frascati, Palestrina, Castel Gandolfo, Grottaferrata, Anagni, Castello di Fumone, Alatri, abbazia di Casamari, Oasi di Ninfa, abbazia di Valvisciolo, Sermoneta, Terracina, Sperlonga, Gaeta, (Roma), Calcata Vecchia, Caprarola, Tuscania, Viterbo, Civita di Bagnoregio, Sant’Angelo di Roccalvecce, Bagnaia, Parco dei Mostri di Bomarzo

Partenze con guida italiana a settembre e ottobre

tuo del lazio - Ciociaria

Tour della Ciociaria e Castelli Romani, con estensione alla Riviera di Ulisse

7 giorni

Frascati, Palestrina, Castel Gandolfo, Grottaferrata, Anagni, Castello di Fumone, Alatri, abbazia di Casamari, Oasi di Ninfa, abbazia di Valvisciolo, Sermoneta, Terracina, Sperlonga, Gaeta, (Roma)

Partenze con guida italiana a settembre e ottobre

Tour del Lazio - Tuscia - Civita di Bagnoregio

Tour della Tuscia

4 giorni

Roma, Calcata Vecchia, Caprarola, Tuscania, Viterbo, Civita di Bagnoregio, Sant’Angelo di Roccalvecce, Bagnaia, Parco dei Mostri di Bomarzo

Partenze con guida italiana a settembre e ottobre

tour del Lazio Ciociaria Tuscia Riviere di Ulisse

Cosa vedere a Roma in 2-3-4 giorni ? Cosa scegliere perchè il week-end a Roma sia indimenticabile?

Che sia un week-end romantico, un week end dedicato agli appassionati della storia oppure dell’enogastronomia, del teatro o di tanto altro, Roma ha una risposta per tutti! E noi con lei !

Tante proposte originali qui !!!

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other